Io, bocconiano, mi sono tolto la cravatta e ora produco mozzarelle

Vero_Enrico

Descrizione

ENRICO CARRETTA, DOPO ESSERSI LAUREATO ALLA BOCCONI E AVER TROVATO LAVORO, SI E’ LICENZIATO

Laureato alla Bocconi, lavorava come consulente in campo economico. Poi un bel giorno, racconta, «mi sono tolto la cravatta e l’ho messa sulla scrivania del capo. E ho detto: “Te la regalo, io cambio vita. Me ne vado a fare mozzarelle”». Trentanove anni, di Lavello, in Basilicata, nel 1999 Enrico Carretta ha deciso di trasferire nel cuore di Milano i segreti dell’arte del formaggio ereditati dalla sua famiglia. Svestiti i panni del commercialista, con l’aiuto del padre ha aperto il Centro della Mozzarella, un piccolo caseificio artigianale in via Benaco.
Oggi gestisce sette negozi, tra cui una pasticceria, con un fatturato la cui crescita non è stata nemmeno sfiorata dalla crisi.
Enrico, qual è il segreto?
«Semplice: mi diverto».

Quante ore dedichi ogni giorno alla tua società?
«A volte arrivo fino a venti, comincio alle cinque del mattino, sempre con grandissima passione. Oggi mi occupo prevalentemente di sviluppare il business e dell’amministrazione, ma sono uno a cui piace ancora sporcarsi le mani. Se serve, impasto o mi metto dietro al bancone».

Conosci a menadito tutte le mansioni del buon casaro.
«Certo, perché le ho fatte tutte. I primi anni preparavo le mozzarelle, le consegnavo e tornavo al caseificio a lavare le pentole. Poi alla sera studiavo.
Mi dicono che sono al tempo stesso il fattorino e l’amministratore delegato dell’azienda».

E dietro al bancone come te la cavi?
«Ti rispondo con una domanda: tu come vorresti essere trattato quando entri in un negozio? Non certo con la freddezza di un supermercato, immagino. Ecco, io voglio
tornare indietro nel tempo, alla cortesia e alla familiarità dei negozi di una volta. Questa è la filosofia che ho trasmesso ai miei dipendenti».

[CONTINUA... VEDI ALLEGATO]

Scritto da: Matteo Cislaghi – (Marzo 2015)
Fonte: “Vero” – Settimanale di attualità – Vero enrico 150x150 Io, bocconiano, mi sono tolto la cravatta e ora produco mozzarelle

Press

Altri Articoli